mercoledì 5 agosto 2015

CUCCIOLONE

Quella di mettere i piedi sul cruscotto in macchina è una pratica prettamente femminile, quasi genetica nella donna, se poi ci aggiungi che nel mentre lei si smalta le unghie è il massimo, non credevo si usasse ancora lo smalto sulle unghie dei piedi, questo la dice lunga sulle mie capacità d'osservazione, stamattina presto ho accompagnato Vittoria all’expo, sono scappato via quasi timoroso di essere risucchiato nel vortice dei visitatori, tremante di paura al pensiero di essere fagocitato dentro i padiglioni, da li dopo aver visto la fiera proseguirà da sola con una sua amica per la liguria, il suo passaggio da me è stato rigenerante, salutare, come innaffiare una pianta assettata, l’acqua dei miei pensieri è scesa nelle terra secca del mio cervello con vorace velocità, sparita nelle profondità della mia mente.

Ieri sera abbiamo riso di gusto, guardato vecchie foto e pianto dal ridere di battute di vecchi film che ricordavamo a memoria (vediamo se trovo qualcosa su youtube…) 

ecco si figurati se non c’erano




oppure



...poco fa invece mentre commentavo un post , mi è venuto in mente che, il tempo passa…

Anche le battute passano, e il modo di vivere la comicità, e la maniera di ridere…

Questa cosa è pazzesca e se mi ci metto a pensare divento matto, più’ di quello che sono già..

Un ragazzo di adesso riderebbe mai ad una battuta di un film di fantozzi?, o ad un discorso disarticolato di Allen, o ad una smorfia di lino banfi? oppure capirebbe un monologo di Hicks?



So che io per primo ho smesso di ridere alla comicità di adesso, l’ultimo zelig (forse dieci anni fa) che ricordo di aver visto in tele mi faceva ridere, i personaggi erano carini e davvero divertenti, adesso i programmi comici in tele mica li capisco, davvero, e non riesco anche se mi sforzo, a ridere.

Giorni fa mangiai un cucciolone e feci una foto alla battuta che c’era disegnata su…

Fotografai perché volevo spiegazioni, volevo capirla…


Vi prego spiegatemelaaaaaa



12 commenti:

  1. Avrei voluto spiegartela ma non credo di capirla nemmeno io.
    La sola interpretazione che mi do è che attualmente vanno per la maggiore gli atteggiamenti non-sense da cattivo dei cartoni animati o dei serial per adolescenti e una frase di questo tipo la vedo perfettamente inserita in quel contesto. Ecco sì, un biscotto figlio dei suoi tempi, per così dire.
    Ma non mi fa ridere, lo trovo cretino e sono certa che i ragazzini troverebbero cretino tutto quanto faceva ridere me, come hai ben detto tu.
    Non siamo al passo con i tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo al passo con i tempi, me lo stamperei su una maglietta e lo porterei in giro con orgoglio!

      Elimina
  2. Sono noiosamente ripetitiva ma e' proprio per questo che non guardo piu' la TV. In realta' non mangio neanche piu' i cuccioloni. Ma una cosa la faccio: metto i piedi sul croscotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah chissà perché lo immaginavo ahaha, zero tv anche dalle mie parti

      Elimina
  3. Sulla comicità mi è viene d'istinto citare De gregori "i simpatici mi stanno antipatici, i comici mi rendono triste" =),
    ma è vero quello che dici; ogni generazione ride di cose diverse, a seconda dei tempi che vive.
    Ho un background "giovanile" -credo- simile al tuo; anche il mio ambiente erano i centri sociali, i movimenti degli anni '90 etc...
    e non è facile adattarsi "all'onda expo", forse va meglio la battuta sul cucciolone, anche se non l'ho capita XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Vu, l'adattamento (in generale) è sempre più difficile, sarà che stiamo diventando grandi???
      Grazie di essere stato qui, ho provato a cercare il tuo blog cliccando su "vu" ma niente da fare ...dove posso leggerti?

      Elimina
    2. Già...stiamo diventando grandi!

      Avevo provato a riaprire un altro blog (ne avevo uno su splinder tanti anni fa) ma mi sono accorta che al momento non riesco a scrivere e l'ho cancellato.
      Se mi passa questo blocco lo vedrai apparire.
      Intanto se ti fa piacere torno a leggerti.

      Ah, anche se irrilevante, sono di genere femminile =)

      Elimina
    3. :-) anche tu del club "e adesso senza splinder?" :-)

      Io ti aspetto e torna a trovarmi quando vuoi...solo che adesso so che sei una femminuccia quindi mi tocca riordinare un po' :-) se no faccio le mie solite figuracce :-D

      Elimina
    4. Si, splider ci ha lasciato tutti orfani!

      Macchè figuracce... sono una da piedi sul cruscotto ma senza smalto.

      Elimina
  4. Potessero smaltarsi i piedi mentre guidano, molte lo farebbero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mark, ahahah molte probabilmente lo fanno, mentre parlano al cellulare con gli auricolari ma il telefono vicino alla bocca, guardandosi nel retrovisore per aggiustarsi i capelli, mentre si accendono una sigaretta e girano senza freccia perché son finite le mani :-), ma ho visto anche ometti fare di peggio

      Elimina
    2. A me è capitato di cambiarmi le scarpe, mentre guidavo.
      Dai tacchi alle ciabatte e viceversa.
      E di truccarmi.
      E stare al telefono.
      E di infilarmi e sfilarmi la giacca, all'occorrenza.
      Di mangiare e bere, anche...

      Lo smalto mi manca, ma essendo multitasking metto a conto di poter fare anche questo :))))

      Elimina